Lo specismo videoludico in Oddworld ⥀ Quando i profitti giustificano i mezzi

  • Tempo di lettura:2 minuti di lettura

La scorsa settimana è stato pubblicato Oddworld: Soulstorm, ultimo videogioco della casa di produzione videoludica Oddworld Inhabitants, che ricomincia un discorso interrotto nel 2002. In questo videogioco il protagonista eroe è il mudokon Abe, che, inzia la sua avventura scoprendo per caso di non essere solo un lavoratore schiavizzato dei mattatoi Ernia, ma di essere anche la merce stessa che i mattatoi producono.

In occasione di questa pubblicazione analizziamo i primi capitoli della saga da un punto di vista anticapitalista e antispecista, partendo da elementi estetici come i distributori di lattine, che replicano l’ordine capitalista per dare un senso di realismo, fino ad arrivare ai concetti di resistenza animale, di proletariato animale e soffermandoci sulla traduzione italiana del gioco, che forzosamente inserisce nella trama la ricerca di un’umanità che non può esistere in mondo strano come Oddworld.

Link all’articolo completo selezionando l’immagine!